Menu

vertigo

yokai

le antiche stampe

Antiche storie dopo tanto orrore

Sul sangue di quarantamila teste di nemici mozzate si fondò la lunga Pax Tokugawa. Il 1600 segnò infatti la fine del periodo di guerre che vide la disfatta delle truppe avverse al generale Ieyasu Tokugawa.

L’assenza di guerre, allontanando i ricordi e gli orrori dei massacri del passato, favorì lo sviluppo di racconti epici che davano vita ad atmosfere cupe e terrificanti, come quella della leggendaria tradizione del rituale delle cento candele che si suppone sia stato inventato da alcuni samurai nel XVII secolo per dar prova del loro coraggio.

Il rituale iniziava dopo l’ora del tramonto: i samurai si ritrovavano in una stanza illuminata dalla luce di cento candele. Ogni samurai raccontava una storia agli altri compagni con l’obiettivo di spaventarli con racconti popolati di mostri appartenenti alla tradizione giapponese.

Le Jorogumo, avvenenti donne che rivelano alle vittime la loro reale natura di enormi ragni; i Tanuki, simpatici tassi trasformisti; i Bakeneko, gatti mostruosi; i Kappa, esseri acquatici, che importunano le natanti; le Ningyo le sirene giapponesi la cui carne profumatissima può donare agli uomini giovinezza o morte atroce; Okiku, il fantasma inconsolabile che cerca il decimo piatto a lei rubato...

Al termine della storia di paura chi l’aveva narrata doveva alzarsi, spegnere la candela di una lanterna, prendere uno specchio e specchiarvisi nell’angolo più lontano della stanza: l’oscurarsi della stanza accompagnava la narrazione di racconti sempre più spaventosi e carichi di suspense.

 

38 475 yoshitoshi  TSUKIOKA  uccisione del vecchio tanuki da parte di naoyouki Exp 5..

 

In mostra: La paura

Il rituale macabro delle cento candele è la grande idea alla base della mostra, che ispirandosi a questa suggestiva tradizione ti farà avanzare, coraggioso visitatore, attraverso una narrazione che stimolerà un tuo coinvolgimento non solo in termini didattici delle opere esposte ma anche emotivo.

Magnifiche opere dei più famosi artisti giapponesi del XVIII e XIX secolo impreziosiscono il percorso che ti condurranno in un viaggio fantastico con storie che miscelano paura, brivido e comicità.

Yōkai (mostri), Bakemono (mostri mutaforma), Yurei (spettri e ritornanti) popolano le xilografie in mostra.  Draghi, orchi, volpi trasformiste, fatali mici mannari, spettri, rospi vampiri ci rapiscono con le loro storie in un’atmosfera carica di mistero e molto suggestiva per ottenere la quale, abbiamo deciso di rendere la mostra un’esperienza “notturna”.

Facendoti strada nelle fioca luce, incontrerai le opere dei mostri sorpreso da voci, suoni, rochi racconti improvvisi ed evocazioni che metteranno in scena la paura dell’antico samurai che ascoltando le storie del terrore nella stanza ormai buia si chiedeva ogni volta:

Sono mostri che vivono solo nei miti e nelle leggende o rincasando da solo prima dell’alba, li incontrerò, ancora liberi di scorrazzare nella notte?

 

728 ENJAKU Yonezo Ichikawa III ne  il fantasma di oiwa 179 x 246 mm 1864

 

La mostra Yōkai: Cosa troverai

La mostra Yōkai è il frutto di un accurato studio effettuato mettendo a confronto sia storici dell'arte, professori e studiosi del folklore giapponese che studiosi di mitologia greca, teologia, leggende e storia della scienza occidentali, col fine di evitare errori di traduzione, trasposizione o impropri parallelismi.

  • Oltre 160 opere (stampe a colori incorniciate, libri antichi, rotoli, netzuke, kimono, armi antiche)
  • Sala immersiva delle cento candele
  • Documentario introduttivo appositamente realizzato
  • Sala per esposizione di 77 netzuke originali di una collezione privata mai mostrata al pubblico
  • Progetto speciale Loputyn con 6 opere originali realizzate appositamente per la mostra

 

Acquista ingresso mostra

 

 

53  stazioni del tokaido kunisada

 

Tutte le Sezioni della Mostra Yōkai

La mostra è suddivisa in  sezioni (più una sezione speciale)

  1. Storie di paura. Le 100 candele (sala immersiva)
  2. Il notturno giapponese
  3. La letteratura horror dell’800 giapponese
  4. Eroi e mostri (storie di valorosi eroi leggendari)
  5. Vendetta oltre la morte. La grande famiglia dei mostri
  6. Fiumi, laghi e mare (i mostri acquatici)
  7. Foreste (le creature dei boschi)
  8. Case infestate
  9. La strada del Tokaido lastricata di paura
  10. Yōkai e Bakemono. La criptozoologia mostruosa
  11. Segreti d’avorio. (La collezione Bertocchi per la prima volta esposta al pubblico composta da 77 Netzuke, i famosi bottoni giapponesi)
  12. Una sezione speciale della mostra sarà dedicata all’esposizione di alcune tavole create ad hoc dall’illustratrice Jessica Cioffi, in arte Loputyn.

 

Paolo Linetti - Curatore della Mostra Yōkay

paolo linettiÈ direttore del Museo d’Arte Orientale – collezione Mazzocchi da settembre 2017.

È stato il responsabile delle attività museali del Museo Diocesano di Brescia dal 2006 al 2018, per cui ha organizzato mostre, eventi, conferenze e concerti. Si è dedicato a ricerche e pubblicazioni inerenti soprattutto arte e cultura del Rinascimento italiano, e all’aspetto storico/artistico giapponese con relative pubblicazioni e un centinaio di mostre in entrambi gli ambiti artistici.

Nel 2008 fonda lo Studio Ebi, per la pubblicazione di libri di didattica per ragazzi. Fra i progetti di Studio Ebi: iconografia dei santi in stile manga, per insegnare in maniera pratica, corretta e veloce a riconoscere i soggetti rappresentanti nei dipinti con i testi stilati dai superiori di riferimento per gli Ordini e Congregazioni religiosi e Animali Fantastici – I miti del mondo greco, romano ed etrusco, il primo bestiario mitologico completo con i contributi di professori universitari, archeologi, e Musei di arte antica, edito da Silvana Editoriale.

Altre pubblicazioni riguardano lo studio dell’iconografia dei Sette Arcangeli nelle chiese italiane, l’influenza dell’introduzione del Purgatorio in ambito artistico, l’evoluzione nei secoli dell’arte di stare a tavola. È ideatore e organizzatore dal 2005 de Il Giappone nel Chiostro che comprende mostre, conferenze, dimostrazioni e cerimonie dedicati al Paese del Sol Levante. Collabora con Musei (Musei Civici di Pavia, Santa Croce (PG), Santa Giulia (BS), Musei Diocesani di Venezia, Palermo, Massa, Sarzana, Genova; è consulente per alcune manifestazioni dell’Assessorato alla cultura del Comune di Dello e di quello di Coccaglio.

Ha collaborato per mostre e workshop con Cartier, Lucca Comics. Nel 2019 ha curato la mostra realizzata presso le Scuderie del Castello Visconteo di Pavia Hokusai, Hiroshige, Utamaro. Capolavori dell’arte giapponese ed è autore di uno dei testi introduttivi del catalogo della mostra pubblicato da Skira Editore.

È curatore di diverse collezioni private

 

 

015 kuniyoshi  utagawa la principessa Takiyasha 370 x 750 1844

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.